Attività produttive

Anci incontra Aepi: le imprese alleate dei Comuni

«Le piccole e micro imprese rappresentano il tessuto connettivo del Paese e sono naturalmente alleate dei Comuni». Così ha esordito il Presidente del Consiglio Nazionale ANCI Enzo Bianco incontrando la delegazione della Confederazione AEPI, Associazioni Europee di Professionisti e Imprese guidata dal Presidente Mino Dinoi. Convergenza è stata espressa su temi chiave per la nostra economia, quali la tutela del lavoro, della più ampia rappresentanza sindacale, del Made in Italy e dell’internazionalizzazione.
«I Comuni rappresentano il livello di Governo più vicino ai cittadini e al territorio – ha proseguito Bianco – e per questa ragione sono i più strenui difensori delle tipicità e delle produzioni locali, che vanno tutelate, preservate e valorizzate. In questa azione l’Europa ha un ruolo fondamentale ed anche a nome del Presidente Antonio Decaro posso affermare che ci ritroviamo nell’approccio europeo prospettato da AEPI e siamo favorevoli ad una collaborazione strutturata e alla creazione di relazioni stabili con questa giovane realtà. Assicuriamo pertanto la nostra presenza alla I Festa Nazionale della Confederazione che avrà luogo ad ottobre a Manduria (TA)».
E arriva anche il commento del presidente di AEPI Mino Dinoi. «Un incontro proficuo, nel segno della conoscenza reciproca per gettare le basi di una possibile futura collaborazione e unità d’intenti. Siamo molto felici di poter ospitare ANCI alla nostra festa nazionale. Abbiamo avviato un confronto sui temi di stretta attualità nella consapevolezza che occorra davvero fare rete per superare questo momento in cui tanto i comuni quanto le nostre imprese sono in difficoltà. Con ANCI condividiamo una progettualità basata sulla programmazione intelligente, gli investimenti mirati e il rilancio del brand Italia. Tutti temi che ci stanno a cuore, senza dimenticare un’attenzione particolare alla digitalizzazione. Parlare di innovazione e nuove tecnologie significa anche snellimento della pubblica amministrazione e, da questo punto di vista, i Comuni hanno un bagaglio di conoscenze rispetto a dinamiche e territori che può rappresentare una risorsa e di cui dobbiamo fare tesoro. Siamo sin da subito disponibili per lavorare insieme per un obiettivo comune».

Articolo presente in: